telecronisti

Che squadre tifano i telecronisti italiani?

Curiosità Importanti Slider

Premessa importante: non vogliamo vendervi nessuna verità, nella maggior parte dei casi non ci sono delle vere e proprie dichiarazioni dei telecronisti, perché per ovvi motivi evitano di dirlo; inoltre con questo articolo non vogliamo scalfire la professionalità di nessun telecronista, che può benissimo avere una passione particolare per una squadra e riuscire a fare bene il suo mestiere.

Partiamo con i due telecronisti che, dopo la telecronaca di Inter-Tottenham del 2018 e quella di Atletico Madrid-Juventus del 2019, hanno scatenato una polemica sui social per la veemenza utilizzata, ovvero Riccardo Trevisani e Lele Adani. Mentre il secondo è legato alla società nerazzurra, in quanto in passato ha giocato per l’Inter, il primo non ha nessun legame diretto né con i nerazzurri né con i bianconeri, le voci che dunque lo vedono tifoso di una delle due squadre restano delle voci, così come quelle su Adani, ma con un minimo di legame che differenzia la cosa.

Così come Adani, molti telecronisti, prima di diventarlo, sono stati calciatori ed è dunque rimasto l’affetto per quella che è stata la propria squadra. L’esempio lampante è quello di Giuseppe Bergomi, da decine di anni spalla di Fabio Caressa, che è stato una bandiera dell’Inter ed è dunque indissolubilmente legato a quei colori.

E a proposito di Caressa, pare che il volto principale di Sky sia un grande tifoso della Roma, a farlo supporre, oltre alle solite voci, l’esultanza dopo il gol di Luca Toni in Roma-Inter 2-1 del 2010, quando le due squadre si contendevano lo scudetto; dopo quel gol dall’audio sembra che Caressa posi le cuffie e esulti in maniera vistosa. Oltre a lui pare che anche Francesco Repice, Alberto Rimedio e Alessandro Antinelli siano tifosi giallorossi.

A rispondere, nell’altra sponda della capitale, pare ci siano Pierluigi Pardo e Riccardo Cucchi, quest’ultimo lo ha dichiarato dopo aver smesso con le radiocronache.

Per la Juventus, invece, si vocifera che facciano il tifo Gianni Cerqueti  e Sandro Piccinini, quest’ultimo perché il padre giocò nella Juventus quando lui era bambino, e pare sia rimasta la passione, che però, come da lui dichiarato, ebbe anche per il Napoli, a causa del trasferimento di Omar Sivori, giocatore del quale si era innamorato.

I colori rossoneri del Milan invece sembra che scaldino i cuori di Maurizio Compagnoni e Marco Foroni, telecronisti rispettivamente di Sky e DAZN.

Non solo le grandi hanno dalla loro grandi telecronisti, il Torino, ad esempio può vantare le storiche voci di Bruno Pizzul e Carlo Nesti.

In ogni caso, se ancora dopo anni di telecronache siamo qui a dibattere su cosa tifino, è evidente che svolgano molto bene il loro mestiere, o magari, come molti di loro dichiarano, calandosi totalmente nel ruolo, perdono la passione che avevano da bambini, per lasciare ancor più spazio alla professionalità.

 

 

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter