Cruijff Puma

Johan Cruijff, la Puma e l’inizio del calcio moderno

Calcio Europeo Curiosità Slider

L’atmosfera che si respira quel 7 luglio 1974 all’interno dell’Olympiastadion di Monaco di Baviera è una di quelle particolari, una di quelle delle grandi occasioni. La posta in palio è alta, ci si sta per giocare la finale del Mondiale, ma l’attenzione di alcuni è rivolta ad un piccolo dettaglio, all’apparenza insignificante, ma che rivoluzionerà per sempre una parte importante dell’essere calciatore professionista negli anni a venire.

A scambiarsi i gagliardetti in quella particolare giornata sono due tra i più forti e influenti calciatori del millennio, Johan Cruijff e Franz Beckenbauer, capitani rispettivamente di Olanda e Germania Ovest. Il personaggio su cui si concentrano gli occhi di tutti però è il primo, il “Pelè bianco”, giunto al primo vero esame con la nazionale orange che fino a quel momento aveva stupito tutti, tanto da essere artefice della nascita del cosiddetto calcio totale, fatto di continui scambi palla a terra e di trame spettacolari mai viste fino a quel momento e che aveva proprio nel Principe di Amsterdam il suo ispiratore.

 

 

Il risultato di quella gara lo conosciamo tutti, è quel piccolo dettaglio che magari è sfuggito a qualcuno. Facendo attenzione alle immagini di quella partita infatti, risalta subito all’occhio come la divisa di Cruijff sia leggermente diversa da quella dei suoi compagni: rispetto alle tradizionali tre strisce verticali nere – su fondo arancione – che contraddistinguono lo sponsor tecnico della nazionale olandese in quel Mondiale, ovvero Adidas, si può notare come nella maglia del fuoriclasse con il numero 14 manchi una striscia.

Per spiegare questo fatto insolito è giusto fare un piccolo passo indietro, per prendere in esame la storia di due fratelli: Adolf e Rudolf Dassler. Entrambi contribuirono alla nascita del celebre marchio Adidas. I due rimangono uniti fino al secondo dopoguerra, fino a quando Rudolf, più incentrato sul lato espansivo e commerciale dell’azienda decide di separarsi dal fratello e di creare un’impresa tutta sua e che dopo una serie di anni diverrà quella oggi conosciamo come Puma. Chiaramente la rivalità tra le due aziende è sempre più accentuata col passare degli anni e uno dei punti di rottura più eclatanti viene raggiunto proprio il giorno della finale del Mondiale 1974.

Chiarito il contesto attorno a cui ruota quella discussa giornata di luglio, non resta che spiegare il motivo di quella divisa così diversa di Cruijff: entrambe le nazionali finaliste come noto, sono sponsorizzate dall’Adidas in quegli anni, mentre la casa rivale Puma aveva deciso di affacciarsi al mondo delle prime sponsorizzazioni individuali, investendo sul migliore di tutti, colui che per tre volte in quegli anni vinse il Pallone d’Oro, che firmò con loro un contratto faraonico. Celebri sono gli scatti che inquadrano Cruijff alla consegna del Pallone d’Oro del 1971, vestito con una ben visibile giacca firmata Puma, così come gli scarpini o le tute che sfoggiava in ogni partita o allenamento.

In un’epoca in cui i calciatori non avevano molto potere decisionale, ed erano mossi come pedine da presidenti e società, il semplice quanto geniale gesto di scucire una delle tre strisce dalla maglia e di coprire con del nastro adesivo arancione il caratteristico fiore che distingueva il marchio Adidas sulle divise delle varie nazionali, ha segnato forse indelebilmente l’inizio di un processo evolutivo che ci ha portato al calcio moderno che oggi tutti conosciamo.

In tutto questo c’è sicuramente molto di Cruijff, uno dei giocatori più carismatici e ovviamente più determinanti che si siano mai visti nella storia di questo sport, che rappresenta un vero e proprio spartiacque tra l’antico e il moderno. Quale miglior occasione per dare un segnale forte, se non quella di una finale mondiale, dove tutti gli occhi sono puntati su di te e sul quel numero 14 che indiscutibilmente ha segnato nel profondo intere generazioni.

 

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter