Messi

È sempre Messi (e Ronaldo)

Articoli d'opinione Calcio contemporaneo Slider Stagione 2018/2019

Ancora lui: Lionel Andrés Messi. È il minuto 53 del match tra Barcellona e Eibar, la Pulce entra un’altra volta nella storia. 400º gol nella Liga, tutti con la stessa maglia. Numeri da mostro, anzi da ‘marziano’, come spesso viene soprannominato da Trevisani: media di 0,92 gol a partita (400 gol in 435 gare), 83 doppiette, 31 triplette. 575 sono invece i gol se estendiamo il conteggio a tutte le competizioni. È veramente superfluo commentare queste cifre. Giocatore spesso ricoperto di critiche, ingiuste a mio avviso; quest’anno è partito a bomba, spazzandole via. Ancora una volta.

C’è addirittura chi dice che è il gol numero 399 e non 400, quando nel 2012 venne dato autogol a Amorebieta e non il gol alla Pulga. Ma se mi permettete… chi se ne frega! Mentre state leggendo questo articolo Messi ne avrà già segnato un altro.

Leo è il primo a raggiungere questo traguardo tra i maggiori campionati europei. Dico primo, ma forse sarà anche l’ultimo. Già… perché l’unico al mondo che poteva togliergli questo primato ha cambiato campionato, fermandosi a 311 gol in Liga col Real Madrid. Inutile dire che stiamo parlando di Cristiano Ronaldo (che però sommando i suoi gol nella Liga, in Premier League e in Serie A aveva già toccato quota 400).

È vero, in Spagna c’è un altro modo di giocare al calcio, sono anni di egemonia di Barça e Real, le difese sono più deboli rispetto ad esempio al campionato italiano… ma i numeri di entrambi sono incredibili. E non hanno alcuna intenzione di fermarsi, chissà se tra qualche anno parleremo anche del 500º? Tutto ci sta con giocatori del loro calibro. Ogni anno battono record su record.

Quando si parla di uno, che lo si voglia o no, si parla anche dell’altro. Forse perché non ci rendiamo conto di quanto siamo fortunati di poter veder giocare questi due, giocatori che non rivedremo per molti anni. Sì, perché il pallone d’oro lo potranno dare a chi vogliono, ma ognuno di noi sa che altrimenti ogni anno sarebbe Ronaldo-Messi, Messi-Ronaldo. Perché non c’è storia.

Se è più forte Messi o Ronaldo? Sinceramente questa domanda ce la siamo posta tante, troppe volte. Alla fine, la risposta può essere solo soggettiva, ma una verità c’è: sono entrati di diritto nell’Olimpo del Calcio, anche se, vedendoli dribblare, passare, fintare, calciare… non sono neanche più sicuro che giochino allo stesso sport degli altri. Di un’altra categoria.

Non resta altro che goderci i loro ultimi anni di carriera, sperando ancora di rimanere incantat