film calcio

I migliori film e documentari sul calcio

Curiosità Slider

Per molti il calcio è puro divertimento, manifestazione per eccellenza dell’arte visiva, eppure da circa un secolo sono i film del cinema ad aver sempre regnato in questo senso. Ragion per cui, quando questi due mondi si uniscono, possono creare qualcosa di grandioso. Abbiamo selezionato diversi film sul calcio che riteniamo meritevoli della visione, anche di generi molto diversi tra loro, in modo da poter spaziare il più possibile tra i gusti.


Il presidente del Borgorosso Football Club (1970)

Come diceva Federico Buffa in una vecchia intervista, i film sportivi italiani, in particolare quelli sul calcio, a differenza di quelli americani ad esempio, sono sempre stati dei film parodistici per una questione culturale. Precursore di questo genere di film è Il presidente del Borgorosso Football Club, la storia di un uomo che non sa nulla di calcio – interpretato dall’immenso Alberto Sordi – che eredita la presidenza di un piccolo ma seguitissimo club di provincia. E se non vi bastasse Sordi come motivo per guardarlo, nel film c’è anche un cameo di Omar Sívori.

film calcio


Il profeta del gol (1976)

Anche se viene presentato come un film, questo di Sandro Ciotti è più un documentario sulla carriera e la vita di Johan Cruijff, che però, come si può evincere dalla data di pubblicazione, non viene raccontata per intero ma fino alla stagione 1974/1975. Il documentario presenta anche diverse interviste a grandissimi nomi del calcio italiano dell’epoca – Mazzola, Zoff, Facchetti, ecc. – ed è interessante notare come il fenomeno Cruijff venisse percepito nel momento stesso in cui avveniva, e non a posteriori. Il profeta del gol termina con un interessante suggestione: a Johan piacerebbe giocare in Italia, ma le frontiere per gli stranieri sono chiuse, Ciotti immagina e spera che già nella stagione seguente sarebbero state aperte, e invece, come sappiamo, l’apertura avverrà solo nel 1980, quando un Cruijff ormai in fase calante calcava i campi statunitensi, un gran peccato.


Eccezzziunale… veramente (1982)

Delirante ed esilarante cialtronaggine italiana allo stato puro. In Eccezzziunale… veramente i tre protagonisti sono tre tifosi di Juventus, Inter e Milan interpretati da Diego Abatantuono. Il film parodizza il mondo dei tifosi e degli ultras in particolare, interpretandone gli stereotipi. La pellicola presenta anche due giovanissimi Massimo Boldi e Teo Teocoli. Il sequel del 2006 invece è evitabile, anche se qualche scena interessante c’è, in particolare quella iniziale con i giocatori del Milan.


L’allenatore nel pallone (1984)

Cult assoluto del cinema italiano, L’allenatore nel pallone vede Lino Banfi nei panni di un allenatore che deve salvare una squadra neopromossa. Vari sono gli ostacoli che renderanno difficile l’obiettivo che l’allenatore Canà proverà a raggiungere grazie soprattutto al suo gioiellino Aristoteles. Il film è chiaramente ispirato al già citato “Il presidente del Borgorosso Football Club“, ma ha riscosso un successo nettamente maggiore, soprattutto per la presenza di moltissimi personaggi del mondo del calcio degli anni Ottanta. Per quanto riguarda il sequel del 2008, che più che un sequel dalla trama sembra un remake, vale la visione solo per rivedere in azione la Longobarda e alcuni dei suoi protagonisti 24 anni dopo, e per le scene comiche alle quali parteciparono alcuni dei migliori giocatori italiani dell’epoca.

film calcio



Mean Machine (2001)

Danny Meehan, interpretato da Vinnie Jones, ex calciatore passato dall’essere amato ad odiato dal pubblico inglese, a causa di una combina in una partita con la maglia dell’Inghilterra, viene arrestato per guida in stato d’ebrezza. Nel carcere, tra varie difficoltà, si ritrova ad allenare la squadra dei detenuti per disputate il più classico dei match cinematografici: guardie contro carcerati. Anche tecnicamente Mean Machine non è malissimo, peccato soprattutto per alcune transizioni che sembrano fatte con Windows Movie Maker. Inoltre, il film presenta un giovane Jason Statham nei panni del Monaco, il più pericoloso e indirettamente divertente dei detenuti.


Shaolin Soccer (2001)

Perla assoluta del trash cinematografico. In maniera deplorevole Hung distrugge la carriera calcistica e la vita di Fong, che dopo molti anni ha voglia di riscatto e di costruire una squadra, ad aiutarlo in questo sogno sarà Schizzo, che insieme ai suoi fratelli maestri di kung-fu mette su una squadra tanto folle quanto forte, basata sulle tecniche Shaolin. Il film è pieno di citazioni e si basa moltissimo sugli effetti speciali, che, considerando che essendo passati vent’anni, ancora oggi non sono per niente male, quelli invecchiati peggio, al massimo, alimentano la risata. Se tutto questo non bastasse vi diciamo che la versione italiana di Shaolin Soccer differisce parecchio dall’originale, perché inserisce totalmente a caso dialetti italiani – romanesco, napoletano, sardo, toscano, milanese, siciliano, ecc. – ai personaggi di contorno – tutti esteticamente orientali – e a doppiare i personaggi principali ci sono invece calciatori che all’epoca militavano alla Roma o alla Lazio, tra cui Damiano Tommasi, Siniša Mihajlović, Marco Delvecchio e Angelo Peruzzi.

film calcio


Goal! (2005)

Un ragazzo messicano di umili origini, Santiago Muñez, arrivato illegalmente negli Stati Uniti, viene osservato casualmente durante una partita amatoriale da un ex talent scout, che grazie ai suoi contatti riesce a procuragli un provino con il Newcastle United, da quel momento il film racconta la traversata storia del ragazzo, che si affaccia repentinamente al professionismo e alla Premier League. Goal! mostra con una qualità mai vista prima in film calcistico alcune partite di Premier League, e vede nel proprio cast la presenza di tantissime star del calcio inglese e mondiale dell’epoca, tra i quali troviamo Raúl González Blanco, Alan Shearer, Frank Lampard, Steven Gerrard, Zinédine Zidane e David Beckham. Molto meno memorabili, invece, sia il primo che il secondo sequel.

film calcio



Hooligans (2005)

Matt Buckner è uno studente americano ad Harvard, viene espulso dall’università dopo essere stato incastrato dal suo compagno di stanza e per questo motivo decide di andare a Londra dalla sorella. Lì conosce il football e soprattutto il mondo degli hooligans e delle firm, in particolare quella del West Ham United, guidata da Pete Dunham, del quale diventa amico. Hooligans racconta il mondo violento degli ultras inglesi, una realtà che, c’è da dirlo, quando è stato girato il film si stava già affievolendo, e che aveva visto il proprio picco una ventina di anni prima, ma resta piacevole la visione e interessante la storia dei protagonisti, interpretati molto bene da Elijah Wood e Charlie Hunnam.


Il mio amico Eric (2009)

In Il mio amico Eric il protagonista è un postino di circa cinquant’anni estremamente depresso, che molti anni prima ha perso per colpa sua l’amore della sua vita, e che oggi vive con i suoi figliastri, con i quali ha un rapporto parecchio complicato. Una sera, mentre si sta autocommiserando, gli si materializza davanti il suo idolo Éric Cantona. Il francese, con il suo carisma e i suoi consigli, lo aiuterà a prendere di petto la sua vita e stravolgerla in meglio, anche quando questa ha una svolta negativa inaspettata.


Il maledetto United (2009)

Il maledetto United racconta, con in mezzo i flashback del passato che spiegano parte del presente, i complicatissimi 44 giorni di Brian Clough alla guida del Leeds United, la squadra precedentemente allenata dal suo acerrimo rivale Don Revie. La sua personalità smisurata e le sue immense ambizioni rendono Clough, interpretato magistralmente da Michael Sheen, un personaggio iconico.

film calcio



Messi – Storia di un Campione (2014)

Messi – Storia di un Campione, tramite le parole degli amici di infanzia, delle maestre, di compagni di squadra – Iniesta, Mascherano, Piqué, Pinto – e di leggende del calcio come Jorge Valdano, Johan Cruijff e César Luis Menotti, racconta, attraverso anche riprese inedite e vecchi video, la carriera e la storia di Lionel Messi, ma vengono anche affrontati temi per lui scottanti come il continuo paragone con Maradona e il suo rapporto complicato con la Nazionale.


Pelé (2016)

Il film racconta la nascita del mito di Pelé, a partire da quando lucidava le scarpe e giocava per strada con gli amici, fino alla vittoria da protagonista, ad appena 17 anni, del primo Mondiale nella storia del Brasile. Nel 1950, dopo il Maracanazo, il piccolo Dico promesse al padre che lui avrebbe vinto la Coppa del Mondo, e così fu. Pelé approfondisce inoltre il rapporto tra la Perla Nera e José Altafini – molto romanzato e lontano dalla realtà secondo quello che ha dichiarato lo stesso ex attaccante italo-brasiliano – e il mito della ginga, lo stile di gioco brasiliano che per un periodo era stato accantonato dagli stessi per abbracciare uno stile di gioco più europeo.

film calcio


Forbidden Games (2017)

In Forbidden Games viene raccontata, attraverso interviste dell’epoca e altre apposite per il documentario, la storia di Justin Fashanu, calciatore in attività tra la fine degli anni Settanta e la fine dei Novanta, nonché uno dei primissimi calciatori neri a giocare in Premier League e il primo calciatore dichiaratosi omosessuale. La sua vita, controversa come poche altre, è finita in tragedia, con il suicidio ad appena 37 anni.


Diego Maradona (2019)

Come si può intuire dal titolo, la pellicola tratta la storia di Diego Armando Maradona, in particolare i suoi anni al Napoli, tra l’immenso genio calcistico sul campo, che ha portato alla vittoria degli scudetti con gli azzurri e il Mondiale con l’Argentina, e l’estremo eccesso fuori, fatto di relazioni extraconiugali, rapporti con la camorra e uso di sostanze stupefacenti. Diego Maradona presenta inoltre delle immagini e dei video inediti che nessuno aveva mai visto prima, se non la famiglia dell’argentino, che li ha messi a disposizione per il documentario.

film calcio




Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter