Zamorano

Iván Zamorano e la sua maglia 1+8

Curiosità Slider

I tempi cambiano, e i numeri di maglia dall’1 all’11 sono ormai un ricordo lontano. O meglio, non sono più gli unici. Perché molti calciatori scelgono ormai strane combinazioni legate al cognome oppure, come vedremo in questo racconto, affascinanti combinazioni tra numeri, alimentando la lunga tradizione dei numeri nel mondo del calcio. Quella che sto per raccontarvi è la storia di Iván Luis Zamorano ed il suo celebre 1+8.

Nel 1996 Iván passa all’Inter per 4 miliardi di lire, reduce da una stagione straordinaria con il Real Madrid, con cui fu capocannoniere del campionato spagnolo mettendo a segno ben 28 reti, oltre che calciatore straniero dell’anno. Fu candidato anche al Pallone d’oro, classificandosi 27º. Durante la sua permanenza in maglia nerazzurra, la sua media gol subì un netto calo rispetto alle annate precedenti: ciononostante, il cileno è riuscito ad entrare nel cuore del popolo nerazzurro grazie alla sua grinta e al suo spirito di sacrificio, rivelandosi poi un validissimo partner d’attacco per l’altro sudamericano Ronaldo.

Siamo nell’estate del 1998 e l’Inter preleva dal Bologna Roberto Baggio. L’arrivo del “divin codino” in maglia nerazzurra condiziona anche le strategie sui numeri di maglia, con la 10 che passa sulle spalle del fantasista di Caldogno e con Ronaldo che prende possesso della 9. E il numero di Zamorano? Iván, che non è mai stato un uomo di polemica negli spogliatoi, prende la maglia numero 18. Per ovviare la decisione di assegnare il numero 9 a Ronaldo, il cileno fece aggiungere un “+” tra le cifre del proprio numero, simulando un’addizione che desse come risultato 9.

Rimase all’Inter per quattro stagioni, realizzando 41 gol in 149 partite complessive e ottenendo la candidatura al Pallone d’oro 1998. Coi nerazzurri, Zamorano disputa due finali consecutive di Coppa UEFA, andando a segno in entrambe le occasioni.

Quell’1+8 diventerà il simbolo di Zamorano, capace di identificarlo molto più di quanto non facesse l’anonimo 9.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter