Roma

Roma Juve 4-0, Batman e Robin al potere

Partite storiche Storia del calcio

Una delle serate maggiormente memorabili di tutta la storia giallorossa è sicuramente il 4-0 inflitto alla Juventus nel corso della stagione 2003-2004. L’8 febbraio i bianconeri arrivano all’Olimpico privi del loro capitano Alex Del Piero. La classifica vede il Milan di Carlo Ancelotti lanciato verso il titolo con 48 punti, subito dopo appaiate Roma e Juventus a 43, con la sfida dell’Olimpico che sancirà la rivale dei rossoneri.

Una sfida molto equilibrata e dall’esito incerto, ciò che tutti i tifosi si aspettano è una partita memorabile e tirata fino all’ultima. Possono solo immaginare quello che succederà poco dopo.

La Roma di Fabio Capello scende in campo mettendo tutta la propria fantasia al potere, con Mancini, Lima, Cassano e Totti a guidare l’attacco. Proprio questi ultimi, Batman e Robin, saranno i protagonisti assoluti del match. La Juve come detto è priva di Del Piero e schiera in attacco Di Vaio e Trezeguet, ai quali spetta l’arduo compito di scardinare la massiccia difesa composta da Samuel e Chivu.

Sin da subito il 4-4-2 adottato da Capello mette in crisi e ingabbia i campioni d’Italia e vicecampioni d’Europa in carica. Al 12º la prima occasione: percussione di Totti che guadagna un fallo attorno ai 25 metri. Come prevedibile sul pallone si presenta Chivu e la botta del difensore rumeno costringe Buffon a ripiegare in angolo. Dal corner la palla arriva fuori dall’area a Dacourt che si coordina e in due tempi batte il portiere italiano. Per il francese appena arrivato dal Leeds è il primo gol in maglia giallorossa.

I capitolini sono in assoluta trance agonista e su un contropiede Lima trova Totti con un lancio millimetrico. Il Capitano stoppa il pallone di petto e fa partire un bolide che si schianta contro la traversa. Il primo tempo prosegue con l’assoluto dominio dei capitolini, guidati dai fantasisti Totti e Cassano, che fanno ammattire i difensori avversari con i loro fantastici e rapidi scambi. La prima occasione vera per la Juve capita al 40º, quando Di Vaio viene innescato da un lancio millimetrico sul filo del fuorigioco. L’attaccante non ha però fatto i conti con The Wall Walter Samuel, che sventa il pericolo con una delle sue meravigliose chiusure.

La ripresa è paradossalmente ancora più a senso unico rispetto al primo tempo. Al 53º uno-due poco fuori dall’area juventina tra Batman e Robin, con quest’ultimo che viene atterrato in area da Montero. Collina non ha dubbi e concede il penalty, freddamente ed impeccabilmente trasformato dal supereroe giallorosso.

La Juve esce completamente dalla partita e perde la testa: solo due minuti più tardi Montero stende gratuitamente Totti, regalandosi una doccia anticipata. I giallorossi sono in controllo e giocano sulle ali dell’entusiasmo, trovando anche il gol del 3-0 con Fantantonio Cassano, che si smarca col tempo giusto e insacca il cross di Mancini.

Solo quattro minuti più tardi i torinesi hanno l’occasione di riaprire la partita, ma Trezeguet tira un rigore bruttissimo che Pelizzoli non fatica a neutralizzare. All’85º la partita si chiude definitivamente. Scambio in velocità tra Mancini ed Emerson, cross dell’esterno giallorosso ed è ancora Cassano che, lasciato libero dalla difesa bianconera, mette la palla all’incrocio con un grandissimo colpo di testa.

La Juve crolla sotto i colpi dei giallorossi e vengono staccati, costretti a subire anche la beffa di Totti, il quale umilia Tudor mimando i 4 gol subiti dagli juventini; “Zitto, quattro e a casa!“.

La partita termina con la netta vittoria dei capitolini, proiettati a sole due lunghezze dal Milan e forti di una coppia tra le migliori di tutto il calcio italiano. Una coppia che è rimasta però unita per troppo poco tempo e che non è riuscita a portare la Roma a grandi traguardi, una coppia che avrebbe potuto riscrivere, insieme, la storia giallorossa.

 

 

Roma-Juventus 4-0 (2004)

8 febbraio 2004, la Roma di Capello ospita allo Stadio Olimpico la Juventus di Marcello Lippi e riesce a batterla con un sonoro 4 a 0 con i gol di Dacourt, Totti e due volte Cassano. Da segnalare anche l'espulsione di Montero e il rigore sbagliato da Trezeguet.

Gepostet von Catenaccio e Contropiede am Donnerstag, 6. September 2018