portieri più costosi calcio

I 10 portieri più costosi della storia del calcio

Curiosità Slider

Nel calcio moderno i valori di mercato dei giocatori sono sempre più alti e così la classifica dei 10 portieri più costosi della storia fa quasi tutta riferimento a transazioni effettuate negli ultimi tre anni, eccetto tre casi “fuori dal coro”, di cui due accaduti circa un ventennio fa e che vedono protagonisti due estremi difensori italiani. Andiamo a scoprire insieme la classifica dei 10 portieri più costosi della storia del calcio.


10. Neto (Valencia ⇢ Barcellona)

Norberto Murara Neto, portiere brasiliano del Barcellona, è passato in questa stagione, all’età di 30 anni, dal Valencia al Barcellona per 26 milioni di euro.

Il posto più basso nella classifica dei portieri più costosi della storia del calcio lo occupa Neto. In Italia si è messo in luce prima alla Fiorentina e poi alla Juventus, dove ha fatto il secondo di Buffon. Da lì, nel 2017, Neto è passato al Valencia in Spagna, dove per due stagioni si è disimpegnato con ottimi risultati tra i pali. Detto ciò, risulta strano pensare che il Barcellona abbia speso più di 25 milioni per assicurarsi un portiere di riserva, dato che al momento ter Stegen appare il titolarissimo impossibile da spodestare. Potrebbe aiutare nel capire la valutazione del trasferimento di Neto ai blaugrana, il fatto che il brasiliano è stato inserito dal Valencia come pedina di scambio per assicurarsi Cillessen, che più tardi scoprirete farà parte anch’esso della classifica stilata.

9. Francesco Toldo (Fiorentina Inter)
portieri più costosi calcio

Francesco Toldo, ex portiere italiano, passò nella stagione 2001/2002, all’età di 29 anni, dalla Fiorentina all’Inter per 26,5 milioni di euro.

Toldo è entrato, e resterà nella leggenda dell’epica del calcio italiano, soprattutto per ciò che è riuscito a sciorinare in Italia-Olanda, semifinale degli Europei del 2000: il gigante azzurro parò ben tre tiri dal dischetto agli olandesi, tra tempi regolamentari e calci di rigore. Durante la sua carriera divisa in due tronconi, quello viola della Fiorentina prima e quello nerazzurro dell’Inter poi, ha sempre dimostrato di essere un estremo difensore dalle indubbie qualità, che però ha avuto la sfortuna, come tanti suoi pari ruolo dell’epoca, di vivere il culmine della sua carriera in parallelo all’ascesa di Buffon come portiere della nazionale italiana. E in precedenza al boom di Buffon, Toldo fu “oscurato” in ottica nazionale da Pagliuca e Peruzzi.


8. Jordan Pickford (Sunderland Everton)

Jordan Pickford, portiere inglese dell’Everton, è passato nella stagione 2017/2018, all’età di 23 anni, dal Sunderland all’Everton per 28,5 milioni di euro.

L’Everton ha puntato fortemente su Pickford, nonostante l’inglese provenisse da una sola buona annata in un Sunderland che la stagione precedente terminò la Premier League in ultima piazza. Validissima reattività tra i pali, ottimo nelle uscite e con un piede sinistro di qualità per impostare dalle retrovie, Pickford si è consacrato definitivamente durante l’avventura dell’Inghilterra nel Mondiale russo di due anni fa. Tuttavia, malgrado queste ideali premesse e il futuro radioso fronte a sé, nell’attuale permanenza ai Toffees la curva d’ascendenza della carriera di Pickford pare essersi inceppata, tra errori rivedibili e prestazioni non sempre convincenti.

7. Manuel Neuer (Schalke 04 Bayern Monaco)
portieri più costosi calcio

Manuel Neuer, portiere tedesco del Bayern Monaco, è passato nella stagione 2011/2012, all’età di 25 anni, dallo Schalke 04 al Bayern Monaco per 30 milioni di euro.

Per molti addetti ai lavori ha cambiato il modo di intendere l’attività del portiere, perché oltre ad essere insuperabile tra i pali, Neuer è dotato di un’intelligenza tattica per pochi al mondo nel suo ruolo. Soprattutto durante il “tutorato” di Guardiola al Bayern, il portierone teutonico si trasformava spesso in un “libero” fuori dall’area, degno di un difensore di altissimo livello tra anticipi a 40 metri dalla porta o cambi di gioco di prima. Il rivoluzionario Neuer nella sua carriera ha vinto tutto quello che si poteva vincere con la maglia del Bayern Monaco – svariate Bundesliga, Coppa e Supercoppa di Germania, una Champions League, una Supercoppa Europea e un Mondiale per Club. Un palmarès impreziosito dal trofeo più desiderato, la Coppa del Mondo, alzata nel 2014 in Brasile indossando la maglia della Germania. Tra il 2017 e il 2018 un grave infortunio ha riportato il cyborg Neuer tra i “comuni mortali”, ma l’ex Schalke 04 ha scritto la storia della categoria, giungendo anche terzo nel podio del Pallone d’Oro 2014.


6. Thibaut Courtois (Chelsea Real Madrid)
portieri più costosi calcio

Thibaut Courtois, portiere belga del Real Madrid, è passato nella stagione 2018/2019, all’età di 26 anni, dal Chelsea al Real Madrid per 35 milioni di euro.

Certamente uno dei portieri più costanti degli ultimi 10 anni nel panorama internazionale, Courtois ha mostrato per la prima volta al mondo il suo indiscutibile talento nell’Atletico Madrid che nel 2014 è arrivato ad un passo dalla vittoria in Champions League. Dopo di che il belga è tornato al Chelsea, dove ha ottenuto due Premier League – nel 2015 e nel 2017 – e ha impreziosito la bacheca personale con il Golden Glove del 2017. Da due anni è tornato nella capitale spagnola, nel quartiere Blanco del Chamartin. Anche in ottica nazionale, con il Belgio, Courtois ha fatto vedere a tutti di essere uno dei numeri uno più sicuri del mondo.

5. Jasper Cillessen (Barcellona Valencia)

Jasper Cillessen, portiere olandese del Valencia, è passato in questa stagione, all’età di 30 anni, dal Barcellona al Valencia per 35 milioni di euro.

Seconda e più costosa pedina di scambio nell’ambito dell’affaire Neto descritto poc’anzi, Cillessen si è sempre destreggiato come un buon portiere, ma sicuramente non da primi 5 della piazza planetaria stando al valore d’acquisto sul mercato. Il suo prezzo è inevitabilmente “drogato” dall’affare di cartellini che coinvolge il dirimpettaio Neto, però risulta difficile comprendere come l’olandese sia stato pagato così tanto. Esploso definitivamente nel 2014 nell’Olanda durante il Mondiale in Brasile, Cillessen ha ottime capacità tecniche, tuttavia non ha mai palesato una continuità di efficacia e un rendimento di livello pari o superiore agli attuali top pari ruolo. Inoltre, il nazionale Orange, nelle tre stagioni al Barcellona – dal 2016 al 2019 – ha disputato in totale 30 partite, di cui 23 in Copa del Rey, all’ombra del titolare ter Stegen. Probabilmente è lui il peggiore acquisto in questa classifica dei portieri più costosi della storia del calcio, nonostante sia comunque un buon giocatore.

4. Ederson (Benfica Manchester City)
portieri più costosi calcio

Ederson Moraes, portiere brasiliano del Manchester City, è passato nella stagione 2017/2018, all’età di 23 anni, dal Benfica al Manchester City per 40 milioni di euro.

Entrato nel Guinness dei Record più di un anno fa grazie al rinvio con i piedi più lungo del mondo – di 75,35 metri – Ederson è forse l’estremo difensore dalle maggiori capacità tecniche e balistiche del globo. Anche e soprattutto per il suo mancino fatato, Pep Guardiola lo ha voluto fortemente nel suo City. L’ex Benfica difatti è una sorta di regista aggiunto, che di mestiere principale fa il guardiano della porta. Anche tra i pali Ederson se la cava alla grande, come testimoniano i 45 clean sheet su 99 presenze disputate sinora in Premier League, impreziosite da un assist per Agüero, direttamente dalla sua area piccola.


3. Gianluigi Buffon (Parma Juventus)
portieri più costosi calcio

Gianluigi Buffon, portiere italiano della Juventus, è passato nella stagione 2001/2002, all’età di 23 anni, dal Parma alla Juventus per circa 53 milioni di euro, diventando in quel momento il portiere più costoso di sempre.

Non ha bisogno di presentazioni Buffon. La Juve con l’estremo difensore nativo di Carrara ha acquisito uno dei portieri più forti della storia mondiale, se non forse il migliore del secondo millennio ancora in corso. Recordman di presenze in Serie A, portiere dell’Italia mondiale del 2006 e dotato di una costanza di rendimento irripetibile, Buffon è in attività ancora oggi a 42 anni. Nel 2006 è giunto secondo nella graduatoria del prestigiosissimo Pallone d’Oro. Per di più lo juventino ha detenuto il record di portiere più pagato al mondo per circa 17 anni, prima di essere superato in questa speciale classifica dai due protagonisti che saranno elencati qui di seguito.

2. Alisson (Roma Liverpool)
portieri più costosi calcio

Alisson Becker, portiere brasiliano del Liverpool, è passato nella stagione 2018/2019, all’età di 25 anni, dalla Roma al Liverpool per 62,5 milioni di euro.

«Avessi saputo che Alisson era così forte, lo avrei pagato il doppio», parole a firma di Jürgen Klopp nel dicembre del 2018, quando il nazionale verdeoro ha salvato contro il Napoli, con un miracolo su Milik, il Liverpool dall’eliminazione dalla Champions League, quella stessa Coppa dalle Grandi Orecchie che i Reds avrebbero poi conquistato nel giugno seguente. Alisson si è consacrato come il migliore portiere sul pianata Terra delle ultime due stagioni, prima approdando in semifinale di Champions League con la maglia della Roma, poi alzando la Champions League, il Mondiale per Club, la Supercoppa Europea e molto probabilmente in quest’annata la Premier League, nell’attuale permanenza al Liverpool. In aggiunta, il brasiliano ha ottenuto la scorsa estate col Brasile la Copa America, lasciando in tutte le competizioni vinte le impronte ben visibili delle sue poderose manone.

1. Kepa (Athletic Bilbao Chelsea)
portieri più costosi calcio

Kepa Arrizabalaga, portiere spagnolo del Chelsea, è passato nella stagione 2018/2019, all’età di 23 anni, dall’Athletic Bilbao al Chelsea per 80 milioni di euro, diventando il portiere più costoso della storia del calcio.

Il primo posto nella classifica dei portieri più costosi della storia del calcio se lo aggiudica Kepa Arrizabalaga. Un’infinità di soldi per un portiere, ma due estati fa il Chelsea era con le spalle al muro: aveva appena venduto Courtois al Real Madrid e nel giro di due giorni sarebbe scaduta la sessione di mercato, allora i Blues hanno deciso di puntare tutte le fiches sul giovane Kepa, pagando a peso d’oro gli 80 milioni della sua clausola rescissoria. Messosi in gran risalto con il Bilbao, lo spagnolo con la maglia del Chelsea si sta dimostrando un estremo difensore di sicuro affidamento e dal futuro roseo, seppure abbia ottenuto l’Europa League un anno fa con un ruolo da protagonista – decisivo durante i calci di rigore nella semifinale con l’Eintracht Francoforte –, Kepa non ha ancora ampiamente meritato l’etichetta di estremo difensore più costoso della storia, anche per le sue problematiche temperamentali che lo hanno portato a discutere sia con Sarri che con Lampard, ma il tempo è tutto dalla sua parte.



Tutte le statistiche presenti nell’articolo sono fornite dal sito Transfermarkt.com

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter