Mkhitaryan

Henrikh Mkhitaryan, giocare con la testa

Sguardo serio, sorriso sincero, occhi pensierosi, carattere timido. Il tutto contenuto in un fisico né naturalmente straordinario come quello di Ibrahimović né incredibilmente prestante come quello di Cristiano Ronaldo. Non è rapidissimo, ma in pochi riescono a contenerlo; non è appariscente, ma tecnicamente è sempre superlativo; non è un rapace d’area di rigore, ma segna […]

Continua a leggere
Ramsey

Aaron Ramsey, diamante fragile

Fin dalle sue prime partite da professionista Aaron Ramsey ha dimostrato di essere un giocatore dalla visione di calcio superiore, che, dopo essere caduto molte volte, ha dovuto lottare contro sé stesso e contro un fisico che non hai mai permesso di esprimere cotanto talento con sufficiente continuità. La sua storia non inizia subito con […]

Continua a leggere
Szczęsny

Wojciech Szczęsny, sicurezza

«Quando ero alla Roma ho messo in panchina Alisson, il miglior portiere del mondo, ed ora alla Juve faccio il titolare al posto di Buffon, uno dei migliori della storia. Possiamo concludere che probabilmente sono il miglior portiere del mondo e della storia», parole, naturalmente ironiche, di Wojciech Tomasz Szczęsny, che ormai da anni si […]

Continua a leggere
Arshavin

Andrej Arshavin, delitto e castigo

21 aprile 2009, posticipo della trentatreesima giornata di Premier League. In un Anfield infuocato si incontrano Liverpool ed Arsenal, due squadre notoriamente offensive, ma nessuno si può aspettare quello che succederà: al termine di una delle più belle partite della storia del campionato inglese, il tabellone digitale segna 4-4. Protagonista assoluto di quella partita? Andrej […]

Continua a leggere