acquisti costosi Serie A

Fonte immagine: Kent Auf Der Heide | CC BY-NC 2.0 Generic

Gli acquisti più costosi della storia di ogni squadra di Serie A

Curiosità Slider

Alcuni risalgono a decenni fa, altri sono recenti: sono gli acquisti più costosi della storia della Serie A. Tutti sono però accomunati dallo stesso fattore: sono stati fatti da una big, in particolare dalla Juventus. E se invece vedessimo gli acquisti più costosi della Serie A squadra per squadra?


Acquisti più costosi della Serie A: Atalanta

L’acquisto più costoso nella storia dell’Atalanta è Duván Zapata, arrivato nella stagione 2018/2019 dalla Sampdoria e pagato 26 milioni di euro. Al secondo posto troviamo con 21,2 Luis Muriel, arrivato nella stagione 2019/2020 dal Siviglia, e al terzo con 20 milioni Juan Musso, arrivato dall’Udinese in questa stagione.

Nel reparto offensivo in continuo mutamento dell’Atalanta, da diverse stagioni, Duván Zapata è uno dei pochi punti fermi, porto sicuro al quale si affida Gian Piero Gasperini. Il colombiano ha una fisicità e una potenza fuori dal comune, che sfrutta per segnare – 66 gol nelle sue prime tre stagioni a Bergamo – ma che mette anche a servizio della squadra, rivelandosi una chiave tattica fondamentale e un grande assistman – 31 passaggi vincenti da quando veste nerazzurro. Altro colombiano, compagno di reparto di Zapata, è Luis Muriel, storicamente un giocatore molto discontinuo, che dall’arrivo alla corte di Gasperini ha svoltato completamente la sua vita calcistica. Da quando è a Bergamo Muriel è diventato un marcatore implacabile, uno dei migliori in Europa. Nelle prime due stagioni con la Dea ha segnato 45 gol in 3.639 minuti, con una media superiore ad un gol a partita. Il terzo in classifica è ancora una volta un sudamericano, questa volta argentino, ed è Juan Musso, portiere arrivato nell’ultima sessione di mercato per sostituire Gollini, che nei suoi anni ad Udine ha dimostrato di avere la stoffa per difendere i pali di una big, adesso starà a lui dimostrarlo.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter