Juventus-Roma

I migliori Juventus-Roma dal 2000 ad oggi

Articoli d'opinione Slider

Tra le classiche della storia del campionato italiano, Juventus-Roma è spesso stata una partita decisiva per l’assegnazione dello Scudetto, soprattutto negli Anni Ottanta e negli Anni Duemiladieci. Abbiamo selezionato le migliori vittorie di ciascuna delle due compagini in questo millennio.

 

Juventus-Roma 0-2 (29/09/2001)

La Juventus di Marcello Lippi sta dominando il campionato ma deve fare i conti con la Roma campione d’Italia in carica di Fabio Capello. I giallorossi vanno in gol con Gabriel Omar Batistuta su punizione al 37°, lo stessi Batigol che si fa però espellere per una gomitata a Paramatti. La Juve ritrova coraggio e va più volte vicino al gol ma la bordata da distanza ravvicinata di Marcos Assunçao fulmina Buffon e sigla il definitivo 0-2.

 

Roma-Juventus 4-0 (08/02/2004)

Una fantastica notte per i giallorossi di Fabio Capello che spazzano via la Juventus di Lippi. La coppia composta da Totti e Cassano è tra le migliori del campionato e dà spettacolo anche in questa partita. La sblocca Dacourt con un tiro da fuori area. Al 53º viene fischiato un rigore per la Roma prontamente trasformato da Capitan Totti, il quale procura poi l’espulsione di Paolo Montero. I bianconeri escono completamente dalla partita e vengono umiliati dalla successiva doppietta di Fantantonio Cassano, fallendo anche l’occasione del gol della bandiera quando Trezeguet si fa parare il rigore da Pelizzoli. È la partita del “Zitto, quattro e a casa” di Totti a Tudor, è soprattutto una delle più belle vittorie romaniste sui bianconeri.

 

Roma-Juventus 1-4 (19/11/2005)

Memorabile la vittoria della Juve nel novembre del 2005, quasi in risposta ai 4 gol subiti un anno prima proprio contro i giallorossi. Apre le danze un colpo di testa di Pavel Nedved su cross di Mauro German Camoranesi, poi una doppietta del solito David Trezeguet con in mezzo un gol fuori dal normale di Zlatan Ibrahimovic, uno dei più belli della sua carriera; nel finale su calcio di rigore Totti segna il gol della bandiera.

 

Roma-Juventus 1-3 (30/08/2009)

Seconda giornata della stagione 2009/2010, la Juventus “brasiliana” di Ciro Ferrara arriva da un mercato estivo promettente e economicamente dispendioso, con l’arrivo a Torino di Diego Ribas da Cunha per 27 milioni e di Felipe Melo per 25. Sono proprio loro due a rendersi protagonisti del match ed illudere i tifosi bianconeri per quella che sarebbe poi stata una stagione chiusa al settimo posto: il primo con una doppietta spettacolare e il secondo con un bel gol sul finale. Nel mezzo, per il momentaneo 1-1, un bellissimo gol di Daniele De Rossi.

 

Juventus-Roma 1-2 (25/01/2010)

All’Olimpico di Torino arriva la Roma di Ranieri in piena lotta per il titolo contro l’Inter di Mourinho. Al 50º Del Piero recupera di prepotenza un grande pallone a Pizarro, Diego prova l’imbucata che viene svirgolata malamente da Juan, sul pallone a palombella si avventa come un falco il capitano bianconero che si coordina benissimo e fulmina di sinistro Julio Sergio, da posizione praticamente impossibile. La reazione della Roma si ha al 66º: Taddei si procura un rigore, sul dischetto va ovviamente Francesco Totti che trasforma positivamente. A 10 minuti dal termine Buffon è costretto ad un’uscita disperata che lo porta all’espulsione. I bianconeri si difendono con coraggio e tenacia ma al 92º Pizarro sradica una palla dai piedi di Diego e lancia subito in profondità per Riise che di testa batte Manninger, regalando una vittoria importantissima e memorabile alla Roma.

 

Juventus-Roma 4-0 (22/04/2012)

Primo anno di Antonio Conte sulla panchina bianconera, la Juve è in corsa per lo scudetto e ospita la Roma di Luis Enrique che viene totalmente annichilita dal centrocampo bianconero, cardine dello strapotere della Juventus di quegli anni; i gol arrivano infatti da Vidal, Pirlo e Marchisio, in particolare il primo segna due gol, uno più bello dell’altro, in pochi minuti, il secondo segna sulla respinta di un calcio di rigore che gli era stato parato da Curci e il terzo con un bel tiro da fuori area.

 

Roma-Juventus 1-0 (16/02/2013)

È l’esordio casalingo per Aurelio Andreazzoli sulla panchina giallorossa. In quella che è forse la peggior stagione del decennio per i capitolini, l’importante sembra essere anche solo mantenere l’onore contro la fortissima Juventus di Antonio Conte lanciata verso il secondo scudetto consecutivo. E invece la Roma interpreta benissimo il match, giocandosela a viso aperto ed armi pari con i bianconeri. La partita si sblocca al 58º: punizione dalla trequarti di Pjanic, la difesa juventina allontana sui piedi di Totti, il Capitano giallorosso fa partire un bolide a 130 km/h che si insacca all’incrocio, esplode l’Olimpico e la banda di Andreazzoli ottiene quella che è sicuramente la vittoria più prestigiosa di quell’annata travagliata.

 

Roma-Juventus 0-1 (11/05/2014)

La Juventus del terzo ed ultimo anno bianconero di Antonio Conte arriva all’Olimpico con lo scudetto già cucito sul petto e le riserve in campo. La Roma si gioca l’onore di vincere davanti ai propri tifosi e poter strappare punti alla squadra prima in classifica, la Juve è ancora in corsa per il record di punti in un singolo campionato, ma chi sente maggiormente la partita è Pablo Daniel Osvaldo, ex del match super fischiato e già contestato quando indossava la maglia giallorossa, e destino vuole che sia proprio lui a decidere il match con un gol all’ultimo respiro che regala la vittoria ai bianconeri.

 

Juventus-Roma 3-2 (05/10/2014)

Primo anno di Allegri sulla panchina della Juventus, il gap con la Roma sembra essere notevolmente diminuito rispetto alle stagioni precedenti (anche se in realtà la Juve chiuderà poi a +17), in panchina è arrivato Rudi Garcia e sembra poter essere la svolta definitiva per i giallorossi. Due rigori trasformati da Tevez mantengono la Juve a galla nel primo tempo, dopo che la Roma era andata in vantaggio con Totti su rigore e Iturbe, sul finale la Juve accelera e trova un grandissimo gol con Leonardo Bonucci che da fuori area trafigge Skorupski. La partita è molto accesa e piena di errori arbitrali da una parte e dall’altra, e sfocia addirittura in rissa sul finale con l’espulsione di Manolas e Morata.

 

Roma-Juventus 2-1 (30/08/2015)

La seconda giornata di campionato vede l’esordio casalingo della nuova Roma di Salah e Dzeko. La Juve deve risollevarsi dopo la sconfitta interna contro l’Udinese, ma viene letteralmente dominata dai giallorossi. Al 60º Pjanic dipinge una delle sue classiche pennellate su punizioni e lascia immobile Buffon, portando la Roma in vantaggio. I capitolini raddoppiano poi a 11 minuti dal termine grazie al grandissimo stacco aereo di Edin Dzeko, che sigla così il suo primo gol con i giallorossi. La Roma ha l’occasione di chiuderla più volte in contropiede, ma è costretta a soffrire sino all’ultimo, soprattutto dopo il primo gol di Dybala con la Juve che riapre il match. Serve infatti un miracolo di Szczęsny su Bonucci nel recupero a scacciare i fantasmi e a regalare i primi tre punti della stagione alla Roma di Rudi Garcia.

 

 

 

Articolo di Francesco Quadarella e Loris Manfrinato.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter