acquisti costosi calcio età

Fonte immagine: Austin Osuide, via Wikimedia Commons | CC BY 2.0 Generic

Gli acquisti più costosi di sempre, in ordine d’età

Curiosità Slider


29 anni: Zinédine Zidane (Juventus ⇢ Real Madrid)

Un trasferimento epocale, che fortunatamente sopravvive ancora oggi almeno nelle statistiche. A vent’anni di distanza dal passaggio di Zidane al Real Madrid per 77,5 milioni di euro, mentre il calciomercato diventa più interessante delle partite stesse e mentre le squadre sono disposte a staccare assegni da 50 milioni per onesti sconosciuti, nessuno ha mai più speso così tanto per un giocatore della sua età. Questo dato rinsalda ancora di più la sua legacy: per quello che ha fatto in campo e in panchina è stato senza dubbio uno dei migliori acquisti di sempre del Real.

30 anni: Miralem Pjanić (Juventus ⇢ Barcellona)

Il bosniaco nell’estate del 2020 si è trasferito dalla Juventus al Barcellona per 60 milioni di euro. Contestualmente, però, i Blaugrana avevano ceduto il centrocampista brasiliano Arthur Melo alla Juventus per 76 milioni di euro. Ricostruire l’intera situazione sarebbe quindi un mero esercizio di stile economico, quello che è incontrovertibile è il bilancio di Pjanić al Barcellona: il centrocampista bosniaco è rimasto in Spagna una sola stagione, collezionando trenta presenze – tredici da titolare – senza mettere a referto un gol o un assist. Koeman, che ha allenato il Barça durante la sua permanenza, lo ha liquidato definendolo meno bravo rispetto agli altri centrocampisti in rosa e tutto quello che rimane di questa parentesi nella carriera del centrocampista è forse solo questa statistica legata al suo trasferimento.

31 anni: Kalidou Koulibaly (Napoli ⇢ Chelsea)

Dopo l’incredibile impatto di Thiago Silva al Chelsea, la società londinese ha capito che l’usato in difesa non solo è sicuro, ma spesso è anche lautamente garantito. Per questo ma principalmente per le caratteristiche del giocatore, nell’estate 2022 è arrivato per 38 milioni di euro Kalidou Koulibaly dal Napoli, firmando forse l’ultimo quadriennale della sua carriera. Il nuovo corso firmato Todd Boehly passa anche da lui.